Make your own free website on Tripod.com
Back

-------

Lateral Sandman

Storiografia del Personaggio

Correva l'anno 1987, l'estate stava ormai abdicando all'autunno, quando Neil Gaiman ricevette la famosa telefonata di Karen Berger, editor della DC Comics, che ha dato origine a tutto quanto.
Gaiman aveva già collaborato con la casa editrice di Superman e Batman alla miniserie "prestige" BLACK ORCHID, su illustrazioni di Dave McKean, e adesso era venuta la volta di recuperare altri vecchi progetti di proprietà della casa editrice per rivitalizzarli e creare loro un nuovo pubblico. I personaggi più in vista, infatti, erano gią stati praticamente tutti destinati a sceneggiatori e disegnatori in forza presso la DC; cosà, ai nuovi venuti non restavano che le briciole. La Crisis che aveva ristrutturato l'universo DC, cancellata la stravagante (ma necessaria) invenzione dello scrittore Gardner Fox secondo cui agivano nella realtà fumettistica della casa editrice dei mondi paralleli con supereroi analoghi ma differenti, aveva riportato un po' d'ordine, ma nello stesso tempo aveva tolto di mezzo alcune possibilità di scrivere storie a causa dell'ecatombe di personaggi conseguente alla ristrutturazione dell'universo DC. La Berger, quindi pensòche fosse il caso di ripescare nell'ampio parco di personaggi rimasti, quelli suscettibili di nuovi sviluppi, specialmente nelle mani di sceneggiatori capaci e desiderosi di mutarne i connotati a proprio piacimento.
Gaiman era un grosso fan delle storie horror, e suggerà a Karen Berger una lista di idee che non furono nemmeno prese in considerazione.
Ma durante la stesura del primo numero di BLACK ORCHID, incidentalmente Gaiman aveva inserito una nota nella documentazione fornita a Dave Mc Kean. E in questo testo veniva citato di striscio proprio il Signore dei Sogni. Facciamo un salto all'indietro nel tempo. Sul n.4 del comic book di SANDMAN (aprile 1989), Neil Gaiman ci parla di sè, e della propria fanciullezza per farci entrare meglio nello spirito della sua creazione. Ci dice che l'estate del 1967 aveva segnato un momento importante per le successive tappe della sua vita. Qualcuno, di cui Gaiman non ha mai conosciuto l'identità, gli regalà uno scatolone pieno di albi a fumetti: supereroi dai costumi sgargianti che combattevano per dei nobili scopi contro "emissari del male" anch'essi, molto spesso, rivestiti di panni multicolori. C'erano pile di albi della Marvel e della DC, storie da far venire l'acquolina in bocca anche ai collezionisti italici di oggi. Ebbene, fu proprio in questa circostanza che al seienne Neil si presentò per la prima volta davanti agli occhi il personaggio cui da adulto avrebbe legato il suo nome. Nel n.47 di JUSTICE LEAGUE OF AMERICA, infatti, davanti alla minaccia dell'Uomo Antimateria, a fianco di Batman, Atom e Lanterna Verde si presentò anche il Sandman dell'epoca d'oro, quello con la maschera antigas che adesso fa da padrone nel comic book Vertigo SANDMAN MYSTERY THEATRE. Gaiman ricorda anche che quella scatola di fumetti fu restituita al suo proprietario poche settimane dopo, ma... il danno era fatto. I fumetti americani avevano colpito l'immaginazione di un ragazzino inglese dalla fervida fantasia. Anche se Neil continuò per suo conto a leggere e a collezionare comic book, il Sandman della "Golden Age" brillò soprattutto per la sua assoluta assenza. Finchè, nel 1975 dice Gaiman: «...ho circa quattordici anni e mi preoccupo soprattutto di correre dietro alle ragazze, ma contemporaneamente torno a seguire fumetti. Sarebbe una bella storia se affermassi che ero un grosso fan del Sandman del 1974, ma sarebbe del tutto falsa; riguardando quei sei albi ho ancora delle strane sensazioni rispetto al loro titolo. E quel tizio giallo e rosso che sta nel suo mondo onirico circondato da schermi televisivi, che libera il giovane Jed dalle grinfie del Dottor Spider, con il Cervello che ha "annerito" il Bronx (e i suoi gorilla), alieni, uomini-rana e roba di questo tipo... Mi piacevano le copertine di Kirby e i soggetti bizzarri di Fleischer, ma al di là di questo mi sentivo un po' a disagio con tutto quel mondo. Ciononostante c'era qualcosa di affascinante in quel personaggio. Uno che viveva nei sogni... aveva molte possibilità!».
E torniamo alla nota scritta in margine ad un foglio destinato a Dave McKean. E proprio sulla base dei ricordi dello scatolone di fumetti che Gaiman suggerisce un'idea: inserire in una scena di stampo onirico dei personaggi ricavati dal "Dream Stream" della DC: Sandman, Brute e Glob con le presenze di Caino e Abele.
Poi da questo nucleo iniziale, l'idea di sviluppa in qualcosa di più ambizioso e Gaiman comincia a prendere appunti per un trattamento del Sandman sgargiantemente vestito di Simon e Kirby; quando Karen Berger si reca in Inghilterra per una convention di fumetti, tra lei e Gaiman c'è un rapido scambio di battute sul personaggio, quindi la telefonata fatidica. «Ti piacerebbe occuparti di The Sandman», chiede la Berger. E Gaiman: «Si... si, senz'altro. Di cosa si tratta?» «È presto detto: ci piacerebbe un nuovo Sandman. Mantenere il nome, ma il resto è affar tuo!».
Gaiman ci pensò su, e venne fuori lo schizzo di questo personaggio segaligno, nudo, imprigionato in una bolla di vetro. Per i vestiti si ispirò ad un libro di illustrazioni giapponesi: il colore nero del kimono era in perfetta sintonia con la maggioranza dei capi appesi nell'armadio di Gaiman. Per Sandman realizzò anche una serie di schizzi e una sintesi dei primi otto episodi che avrebbe potuto interpretare. Ne fece delle copie e le sottopose, in modo interlecutorio, a Dave McKean e a Leigh Baulch. Entrambi fecero a loro volta degli schizzi di Dream secondo la loro sensibilità e tutto finì nel cassetto di Karen. In seguito, Gaiman ha riversato con disinvoltura nel fumetto le trascrizioni molto fedeli, di miti romani, greci, celtici e africani. Della loro natura, l'autore del nuovo Sandman ` riuscito a capire il grosso potenziale: in modo semplice e piano, attraverso sequenze logiche di immagini, i miti parlano al nostro cuore dei più grandi misteri della nostra esistenza.
È in questa dimensione archetipa ma anche molto contemporanea, "eterna" come gli Endless, che Sandman deve essere collocato a buon titolo. Non certo nella dimensione para-supereroica del cosmo DC in cui talvolta Gaiman si è sbizzarrito ad ambientare i passaggi di alcuni episodi, come quello della storia Passengers . Lo stesso Gaiman sembra essersi accorto dell'errore commesso, quando nella postfazione a Preludes & Nocturnés dubita di aver fatto bene a mixare il mondo di Sandman con quello dei multicolori supereroi della sua infanzia. Mi piace chiudere questa nota con le stesse parole di Gaiman: «Non ho mai saputo a chi appartenesse quella scatola di fumetti del 1967. Mi domando se questo sconosciuto sapesse che non si trattava solo di una scatola di fumetti... Era una scatola di Sogni».

Presentazione di Luca Boschi Su: Sandman: Le origini volume 2 Comic Art - DC Comics.

-------

Scrivetemi a: kiroky@libero.it